domenica 20 settembre 2009

Chimere mistiche

Ci sono giorni in cui ti svegli, è presto, troppo. La sera hai bevuto un po', anche se è il fine settimana hai lavorato, continuerai a farlo anche se è domenica. La vita ti fa schifo, anche se ti svegliassi accanto a Brad Pitt lo troveresti orrendo, figuriamoci se ti svegli pure sola. Ti alzi. Metti su un bibitone di caffè. Fuori è grigio, silenzioso. Apri la finestra e il suono delle campane di Santa Maria Maggiore appena smorzato dalla distanza entra con forza, pervade ogni cosa. Guardi il cielo nuvoloso. Si apre uno spiraglio e i raggi del sole nascente sbucano tra le nuvole. Parte un altro suono, una voce che canta, una voce araba, una cadenza nota che si mescola alle campane. E' un muezzin che chiama la fine del Ramadan. Ed è anche Rosh Hashanah.
Guardo il sole rosso che esce dalle nuvole e penso che oggi dio ha molto da festeggiare e che canta a due voci. Una chimera mistica all'alba, a Roma, nella kasbah... sì lo so non dovrei bere la sera.

14 commenti:

gillipixel ha detto...

ecco: quando uno sa scrivere, non ci sono balle...bastano un briciolo di osservazione e qualche spunto quotidiano, per aprirti un mondo 15 righe :-)
bellissimo Farly!...sono fiero della mia metà di chimera :-)

farlocca farlocchissima ha detto...

metà chimera arrossita, il commentatore onanista giubila, baci e frrrr

Paolo ha detto...

In punta di piedi e lento come un bradipo... entro...nel blog..mi sistemo e ...sono passati tre minuti dall'ingresso...ora apro bocca.. ma ci ho meditato nel frattempo...perciò Farly, non ti preoccupare...be happy! ehhh

Bel post... ha ragione il buon gillipixel...sembra un quadro..
complimenti.

Buona Notte :-)))
da Paolo

farlocca farlocchissima ha detto...

grazie paolo, chi entra con calma e gentilezza è sempre benvenuto qui

Luca Tassinari ha detto...

Tre monoteismi al servizio di un'alba: bello. Se i risultati delle bevute serali sono sempre a queste altezze, sei pregata di non smettere!

farlocca farlocchissima ha detto...

ehm ecco a volte è più il mal di testa che la vena scrittrice a vincere dopo aver alzato il gomito ;)

Yossarian ha detto...

Dicesi hangover.

Hai provato con l'Alka-Seltzer e un Bloody Mary?

:-)

Ciao

farlocca farlocchissima ha detto...

certo l'alka seltzer fa miracoli, il bloody mary alle 7am mi fa schifo, entrambi uccidono la vena poetica però che è fortemente alimentata dal senso di leggera instabilità sulle gambe dato dal mix nausea e mal di testa :-D

gillipixel ha detto...

C'è una scena di "A hard days night" o "Help" (non ricordo di preciso e...ebbene sì, il mio beatlesismo è così grave che mi sono visto anche alcuni dei loro inguardabili film :-) dove Ringo Starr zonza lungo il fiume, immerso in mestizie post-sbronzali...vidi poi un'intervista a Ringo in cui diceva che quando girò quella scena era veramente reduce da una notte di bevute e aveva veramente in corpo una sensazione stile "feel like shit" :-)
ecco, non c'entrava nulla, ma a sentir parlare di hangover e Bloody Mary a mo' di caffelatte, mi è venuta in mente quella scena :-)

farlocca farlocchissima ha detto...

sì mi sa che era help ... ecco rende l'idea :-)

Anonimo ha detto...

... e meno male che la vita ti fa schifo...
sì, sì, sì; certo, certo, certo!
infatti l'incanto che descrivi nasce da un evidente senso di schifo ;-)
adorabile farli,
mi unisco al saggio suggeritore di sopra: continua a bere! (...non perdo occasione per dirlo)
a.

verifica parola: fando = stare facendo. es. sto fando un commento al post di farli. ok. basta.

farlocca farlocchissima ha detto...

bellissimo il blogspot! comunque cara a. certe volte, certi giorni, sbronza o non sbronza la vita fa schifo, magari con poesia, ma sempre schifo fa ;-)

Anonimo ha detto...

... esatto: "magari con poesia". non è la vita ad essere fantastica o merdosa, ma quello che ne facciamo.
tu, spesso, ne fai poesia.
non sono per niente sicura di riuscire a spiegarmi.
a.

farlocca farlocchissima ha detto...

forse sì che ti spieghi :-) e meno male che ci sei