venerdì 21 novembre 2008

Nulla


Foto di Sandro B.


Senza testa osservo lo scorrere delle ore. Oggi la testa è vuota e non trovo la concentrazione. Dovrei girarmi verso il pannello delle idee e produrre "cose intelligenti". E invece nulla. Procrastino, giro in tondo, leggo qua e là. Perdo tempo. Con un gesto delle mie mani assenti invito ad entrare, ad accomodarsi nella stanza vuota che è la mia testa. Invito a visitare il nulla che oggi è mio compagno.
Prima o poi riprenderò il filo del pensiero e proseguirò, con attenzione, il viaggio...

La vita è un viaggio sperimentale fatto involontariamente.
(Fernando Pessoa)

3 commenti:

gillipixel ha detto...

sono momenti molto importanti quelli che descrivi, Farly...anche se non li capiamo e ci sembrano attimi sprecati, e forse ci fanno pure un po' incazz...e ci avvilisicono...ma è in quei frangenti che il nostro animo si deposita, decanta il suo "consistere" scorrazzando senza metà apparente...e quel deposito poi diventa un limo fertile per idee e passioni nuove...e ora non vorrei sminuire tutto con una metafora stonata, dicendo quasi che sono momenti di m... :-) ma al proposito mi son venuti in mente i versi di Via del Campo :
"...dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fior..."

farlocca farlocchissima ha detto...

è vero che dal letame nascono i fiori :-) di solito quando la testa va così, c'è qualcosa che vuole emrgere dal fondo dell'anima e disturba perchè ancora non ha trovato la strada ...

gillipixel ha detto...

vero...fra le poche cose che ho imparato crescendo un po' (mica tanto :-) è che quando nell'animo si fa strada il nulla, non bisogna lasciarsi prendere dal panico...bisogna solo ascoltare i piccoli suoni che si riescono a distinguere, fino a che un giorno, ci si rende conto che hanno un senso e forse sono diventati pure una bella musica :-)